TopServer: server virtuali made in Italy!

Annunciato da poco in beta pubblica, TopServer è il nuovo servizio di Tophost che offre un VPS (Virtual Private Server) del tutto unmanaged. Dopo averlo provato per alcune settimane devo ammettere di esserne rimasto piacevolmente colpito. Lo consiglierei senza remore, ci sto trasferendo tutti i vari siti che gestisco (il trasloco di questo blog – ora ospitato proprio su una macchina virtuale Tophost – ne è la prova)!

Specifiche tecniche e funzionamento

Partiamo dall’offerta:

    TopHost Beta Test

  • TopServer da 512 MB di RAM (43.200 TopCoin al mese)
  • TopServer da 1 GB di RAM (72.000 TopCoin al mese)
  • TopServer da 2 GB di RAM (115.200 TopCoin al mese)
  • (tutti con 20 GB di HDD e 100 Mb/s di banda)

Notiamo qualcosa di particolare, cosa sono i Topcoin? Per attivare un VPS è necessario acquistare un Voucher, dal prezzo di 5,99 euro (IVA esclusa) che corrisponde a 43200 TopCoin e che permetterà dunque di tenere acceso il TopServer di base da 512MB di RAM per un mese (il conteggio dei TopCoin è effettuato al minuto!).

Dopo aver acquistato il voucher possiamo procedere all’attivazione del server, scegliendo una fra le distribuzioni offerte:

  • Debian 6.0
  • Ubuntu 11.10
  • Centos 6.2
  • Ubuntu 12.04

A questo punto il nostro server virtuale (dopo qualche oretta per la creazione) sarà attivo! Dal pannello di controllo possiamo monitorare varie risorse attraverso grafici, utilizzare una console Java per l’accesso al terminale in SSH e comandare operazioni base quali riavvio, stop, spegnimento, ecc.

È inoltre disponibile la possibilità di creare immagini del server virtuale, funzione utile per l’upgrade a scaglioni maggiori di RAM o come backup di sicurezza prima di “interventi” importanti alla vostra macchina.


La mia esperienza

Volendo provare questo servizio come hosting per i miei siti ho scelto la versione base da 512MB con distribuzione Ubuntu 12.04. Dopo aver configurato l’hostname, aver installato Exim4 (per l’invio di mail dal VPS) e altre piccole modifiche “di base” ho iniziato a “fare sul serio”.

Su GitHub è presente uno script (creato da un certo Vlad Ghinea) che permette di installare le ultime versioni di PHP5-FPM, Nginx, MySQL ed APC, scaricando i vari pacchetti dai rispettivi siti ufficiali, compilandoli automaticamente, installandoli e configurandoli (ovviamente poi per prestazioni migliori bisogna ottimizzare le varie configurazioni). Sono comprese anche delle semplici utility web per il monitoraggio dei software e degli script per effettuare gli aggiornamenti in pochi secondi (provato personalmente – con successo – per APC).

Vlad script (PHP, Nginx, MySQL, APC)

Lo script in esecuzione

Successivamente dovrete configurare i vari software, in particolare creare i virtual host su Nginx per ospitare più siti web sulla stessa macchina (puntando i record DNS verso l’IP della vostra macchina TopServer, che offre IPv6 in maniera nativa!), ottimizzare PHP5-FPM (FastCGI Process Manager) e MySQL. Se volete potete installare molti altri software, ad esempio PhpMyAdmin (per gestire i database), vsftpd (per l’accesso FTP/FTPS) e Webmin (pannello di controllo web-based).
Vi prometto a breve una nuova puntata in cui posterò le configurazioni migliori dopo aver effettuato varie prove con configurazioni diverse. Attualmente il mio TopServer ospita circa 6/7 siti web, alcuni con un numero di visite abbastanza importante, e si comporta veramente bene.

RAM TopServer

Il comando free -m mostra lo stato della memoria RAM

P.S.: Ovviamente al posto di Nginx potete installare Apache, personalmente preferisco il primo al secondo perché avendo scelto la configurazione di base ho necessità di utilizzare meno RAM possibile, ed Nginx offre una gestione della RAM nettamente migliore rispetto al più celebre Apache.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *